Copie economiche dall’Estremo Oriente

Pubblicato il : 23 Marzo 20216 tempo di lettura minimo
Su Internet si possono trovare leve del freno e della frizione e altri pezzi di ricambio legati alla sicurezza a prezzi stracciati. I rischi e gli effetti collaterali di questi prodotti economici non sono ovviamente chiari agli acquirenti: possono essere pericolosi per la vita, ma in ogni caso significa un sacco di guai.

Brigitte Haschek 14.09.2016

“Non ci credo!” Jan Zangenfeind, capo del gruppo di controllo delle moto presso il comando di polizia dell’Alta Baviera meridionale, stenta a credere a quello che vede durante l’ispezione di un gruppo di motociclisti a Colonia: il pneumatico anteriore della BMW F 650 di un uomo sulla cinquantina, che sta viaggiando verso la Sicilia con i suoi compagni, ha una profondità residua del battistrada di soli 0,3 millimetri. Per lui, il viaggio di vacanza finisce quindi per il momento al posto di blocco della polizia. “I pneumatici usurati sono il principale difetto tecnico che troviamo regolarmente durante i nostri controlli”, dice Zangenfeind.

La lista è abbastanza lunga – da sistemi di scarico manipolati a specchietti troppo piccoli, coperchi della frizione aperti e luci posteriori senza registrazione fino alle conversioni totali più avventurose. Negli ultimi anni, tuttavia, le leve dei freni regolabili che non sono testate e approvate hanno attirato sempre più attenzione e la tendenza è in aumento. “Nel frattempo, questi attacchi sono il secondo motivo più frequente di reclami tecnici e divieti di proseguire il viaggio per motivi di sicurezza”, riferisce il poliziotto di moto. Questo è stato anche il caso di un giovane pilota di Yamaha FZR. Ma lui ha risposto: “Mi sono detto che un giorno ci sarebbero stati dei problemi, quindi tengo sempre i pezzi originali. La spiegazione del perché le ha scambiate con le leve accessorie ha lasciato senza parole anche l’esperto funzionario Zangenfeind. “Le parti hanno la stessa verniciatura della mia moto, quindi sembra molto più cool”.

Più di semplici imperfezioni

Nel frattempo, la ragione principale per pescare pezzi di ricambio su Internet invece di acquistare prodotti di marca nei negozi di accessori convenzionali è il presunto vantaggio di prezzo: a poco più di 20 euro, le leve dei freni e della frizione provenienti dall’Asia sono offerte sui relativi portali per un quinto di quello che chiedono i produttori come ABM, Gilles o LSL. I prodotti economici in alluminio fuso sono anodizzati allo stesso modo e a prima vista sembrano buoni come gli originali “made in Germany”. Quando li si guarda alla luce, hanno più di un difetto.

I componenti rilevanti per la sicurezza come le leve dei freni e le pompe dei freni, che sono anche offerti in gran numero su Internet, devono superare test rigorosi per ottenere l’omologazione, un EBA o un certificato di pezzi di ricambio. Inoltre, l’UE ha emesso un gran numero di direttive sulla sicurezza dei prodotti e sull’etichettatura per proteggere i consumatori da prodotti non sicuri. Se un articolo porta il marchio europeo CE, questo prova che il produttore, il commerciante o il rappresentante europeo del rispettivo produttore promette la sicurezza del prodotto.

Non troverete i marchi CE, i numeri di test ABE o KBA sulla spazzatura asiatica – gli imitatori economici dalla Cina e da altri paesi asiatici non sono interessati alle norme di sicurezza e ai requisiti legali per il mercato interno europeo. Un brusco risveglio per gli acquirenti di queste parti aggiuntive si verifica al più tardi alla prossima ispezione generale: un cartellino rosso al posto del tanto atteso adesivo, fino a quando non viene installato un pezzo autorizzato.

Thomas Schuster dell’organizzazione di esperti KÜS conferma che il commercio di parti illegali di motociclette a prezzi di dumping è in piena espansione su Internet: “Lo stiamo osservando da tempo con tutti i tipi di pezzi di ricambio e di conversione”, dice. Ma le leve dei freni e della frizione, in particolare, sono state un ricercato oggetto di moda per circa cinque anni.

Al più tardi durante una sosta di emergenza, diventa dannoso

Quello che i motociclisti che vengono sorpresi con pezzi non omologati percepiscono a volte come una molestia da parte dell’Ispettorato Generale o degli ispettori di polizia durante i controlli, ha una storia che deve essere presa sul serio: le leve e le pompe dei freni sono importanti per la sicurezza. I prodotti illegali ed economici mettono in pericolo la vita e l’integrità fisica dei motociclisti. I produttori europei devono soddisfare una moltitudine di requisiti. Detlef Achterberg, direttore delle vendite alla ABM Fahrzeugtechnik di Breisach, fa un esempio: “È necessario effettuare test a lungo termine sui rispettivi modelli per scoprire a quali sollecitazioni è esposto il materiale nel lungo periodo”. Se la lega di alluminio non è buona, la leva del freno può rompersi senza preavviso – l’orrore di dover frenare all’improvviso e ritrovarsi improvvisamente nel vuoto perché la leva non c’è più. Un altro requisito per l’approvazione è che non si producano bordi taglienti o bave quando le parti vengono strappate.

Le tolleranze di fabbricazione giocano un ruolo importante nella qualità del prodotto. “Ogni leva regolabile è composta da dieci parti individuali, e la tolleranza di ciascuna di esse è adattata alle altre dal progettista”, spiega Achterberg di ABM. Se una leva del freno o della frizione viene semplicemente copiata senza conoscere questa regolazione fine, non può funzionare. “Nel caso peggiore, la leva scivola e può essere tirata sull’intera gamma di regolazione”, spiega Achterberg. Al più tardi, diventa letale in un arresto di emergenza. Se le tolleranze non sono regolate, la pompa del freno può anche essere messa sotto pressione minima: il foro di bilanciamento si chiude e non c’è più gioco di fiuto. Questo permette al liquido dei freni surriscaldato di espandersi nel serbatoio di espansione durante la decelerazione. Se questo non è più possibile, inizia una leggera frenata continua. In questo caso, il sistema si surriscalda, non c’è praticamente pressione, e alla fine la decelerazione non è più possibile – un pensiero più che preoccupante.

La situazione della frizione non è così complicata. Tuttavia: le carenze di progettazione e le tolleranze mancanti aumentano l’usura. Inoltre, può succedere che la frizione non si separi più o scivoli. Non è nemmeno divertente quando 250 chili si muovono involontariamente e del tutto inaspettatamente – che sia sul marciapiede, sulla rampa del garage o davanti a un semaforo rosso.

Accensione CDI: cos’è e come funziona?
Qual è il prezzo dei pezzi di ricambio per le moto in questione?

Plan du site