Qual è il prezzo dei pezzi di ricambio per le moto in questione?

Pubblicato il : 23 Marzo 20216 tempo di lettura minimo
Logicamente, se una parte della moto si rompe, deve essere sostituita. Ma la logica dietro i prezzi dei pezzi originali è spesso difficile da capire. MOTORRAD ha controllato con i fornitori.

Sommario dell’articolo

Thorsten Dentges 05.01.2012

La donna era gentile, ma da inclpare. Aveva bruscamente cambiato corsie e frenato il suo collega Jörg Lohse per raschiare con Triumph Street Triple brevemente sull’asfalto. L’autista era terribilmente dispiaciuto, e Lohse era un po’ graffiato, ma una prima occhiata alla moto incidentata gli disse: graffi, crepe e qualche pezzo di plastica, la sella rotta, ma il serbatoio, il motore e il telaio intatti, quindi non è tutto male. Così, lui, che per professione sa molto di pezzi di ricambio, ha detto alla polizia nel rapporto dell’incidente: danni stimati a 2500 euro massimo. Qualche giorno dopo, la grande sorpresa: il danno totale superava di cinque euro il valore di sostituzione della moto, cioè circa 8.000 euro. Abitacolo 868,91 Euro, silenziatore sinistro 504,06 Euro, gamba della forcella 348,52 Euro, sella nuova 372,84 Euro e così via. È un bene che l’assicurazione abbia pagato, altrimenti Lohse sarebbe stato rovesciato al banco. Come mai le monete sono così care? MOTORRAD ha controllato con nove grandi produttori di moto e ha chiesto un listino prezzi per l’usura tipica e le parti della carrozzeria per ciascuno dei bestseller del loro attuale marchio.

Tutti i prezzi delle farmacie? Niente affatto, almeno questo è quello che sostengono i fornitori. Markus Deckert di Triumph Germania: “In una certa misura, i prezzi elevati sono dovuti al fatto che una certa quota di pezzi di usura e di carrozzeria deve essere disponibile per un numero molto elevato di modelli e per un periodo di tempo molto lungo, e nel caso di pezzi che servono raramente, la merce rimane sugli scaffali per anni, con conseguenti alti costi di stoccaggio. Oltre a questo costo misto, ci sono enormi costi per i test, perché come produttore siamo soggetti a requisiti di responsabilità del prodotto molto severi, a differenza dell’aftermarket”. I fornitori indipendenti che, a seconda della situazione del mercato, producono o acquistano spontaneamente articoli particolarmente ricercati in grandi quantità, possono tuttavia trasferire i loro costi inferiori ai clienti finali. Il commercio indipendente evita i venditori lenti non redditizi come il diavolo evita comunque l’acqua santa.

Inoltre, il numero di aziende coinvolte nell’aftermarket delle moto è gestibile, e i produttori di automobili e l’aftermarket indipendente hanno altrettanti clienti. La qualità dei pezzi originali e di quelli aftermarket è quindi spesso allo stesso livello. Il produttore giapponese di equipaggiamenti originali Vesrah, per esempio, equipaggia da decenni marchi motociclistici affermati con frizioni, kit di guarnizioni e valvole, ma molti prodotti sono anche disponibili gratuitamente in diverse confezioni. Nel caso delle pastiglie dei freni o dei filtri dell’olio, solo pochi produttori al mondo hanno il saper fare necessario. Anche qui, i pezzi originali e quelli di ricambio sono spesso tecnicamente identici e differiscono solo per il loro imballaggio  e a volte solo per il prezzo. Tuttavia, i pezzi originali non sono così facilmente disponibili presso le officine indipendenti. “Dobbiamo procurarci la maggior parte delle parti della carenatura specifiche del modello in Olanda, per esempio”, spiega l’officina indipendente TK Motorradsport nella regione di Kempen. Le parti d’usura comuni, invece, sono molto meno stressanti per i meccanici professionisti della regione del Basso Reno, che devono fare ordini presso il grossista Matthies di Amburgo. “Con la 600 Bandit, il kit originale Suzuki per alcuni anni del modello non ha avuto molto successo, quindi la qualità del retrofit era migliore”, spiega Ingo Kleinen di TK Motorradsport, che preferisce affidarsi alla propria esperienza piuttosto che alle promesse pubblicitarie.

Se più economico significa qualità inferiore, lo sconsiglia. Esempi di batterie: i petardi di alto prezzo spesso vanno abbastanza bene all’inizio, ma a lungo andare si dimostrano raramente e, secondo l’esperienza, devono essere sostituiti più spesso, il che alla fine è più costoso. Tuttavia, tali esperienze devono essere raccolte prima, perché il cosmo dei prodotti “dopo -mercato ” è quasi infinito, e quando si tratta di qualità, pulita e malandata, mega e malandata, gli alti e bassi sono vicini. Stefan Wahl di Motorcorner a Wangen, vicino a Göppingen, nel sud della Germania, preferisce per questo motivo fidarsi dei pezzi originali, perché secondo lui le case automobilistiche investono di più nella garanzia della qualità. Come rivenditore autorizzato, si occupa di varie marche, ma può anche servire facilmente il mercato aperto. Tuttavia, vende meno del cinque per cento di pezzi di ricambio non originali. “Per quanto riguarda i prezzi, i produttori di moto si confrontano ormai molto da vicino e tengono anche d’occhio l’aftermarket per i pezzi di ricambio. Non vedo più grandi differenze di prezzo”, dice Wahl. Con i pezzi originali, ha anche la massima certezza che tutto è garantito e che il servizio del produttore è corretto.

Come rivenditore e professionista dell’officina, deve stare particolarmente attento che il pezzo installato non causi problemi. In ogni caso, la garanzia, che è solo volontaria, può essere invalidata se si usano parti non originali per l’intera motocicletta, e la garanzia legale è limitata se c’è un legame diretto tra i difetti consequenziali e la parte accessoria. Con alcuni venditori Ebay che vendono merci discutibili dell’Estremo Oriente, non si può necessariamente assumere questa responsabilità nei confronti del cliente. Il plagio, che è abbastanza comune oggi e che pretende solo una qualità provata, presenta un pericolo particolare. Prima di andare a pescare le cosiddette occasioni su Internet, vale quindi la pena di chiedere al proprio rivenditore la sua migliore offerta senza impegno. Fortunatamente, con una cura normale e senza incidenti, i pezzi di ricambio sono raramente necessari, ma dovrebbero funzionare in modo affidabile. La buona compatibilità ha un prezzo. Probabilmente consiglierebbe anche un farmacista.

Conclusione

Assemblare una moto da parti individuali sarebbe una follia finanziaria. Anche relativamente pochi elenchi di ordini campione rappresentano tra la metà e i tre quarti del rispettivo valore delle moto nuove. Non c’è da stupirsi che un incidente porti rapidamente a una perdita economica totale. Né è sorprendente che le macchine economiche di fascia media abbiano i prezzi dei pezzi di ricambio più bassi in confronto. È più sorprendente che i pezzi di ricambio Harley siano così economici. Ma uno sguardo più attento rivela che molte parti convenzionali o piuttosto “vecchie” sono state installate su questa moto. Altri candidati hanno più probabilità di trovare display elettronici, luci LED o elaborate leve forgiate. Queste parti possono essere più belle, più moderne e migliori, ma costano anche di più. In futuro, il prezzo dei pezzi di ricambio aumenterà quindi un po’ a causa dei nuovi aggiornamenti tecnici. Speriamo che i fornitori continuino a ottimizzare la loro logistica dei pezzi in modo da non dover applicare prezzi da farmacia.

Accensione CDI: cos’è e come funziona?
Copie economiche dall’Estremo Oriente

Plan du site