4 PARAMETRI IMPORTANTI DA CONOSCERE!

Pubblicato il : 23 Marzo 20215 tempo di lettura minimo

Il casco da moto è l’attrezzatura necessaria e più importante per la protezione passiva di un motociclista. Ecco perché la scelta del casco è così importante. I giovani motociclisti alle prime armi sono spesso guidati soprattutto dall’aspetto e dal prezzo, che non vanno quasi mai di pari passo con la qualità e la sicurezza.

  1. La qualità del casco da moto e il suo prezzo

La sicurezza è sempre al primo posto, qualunque sia il costo. Alta qualità non significa solo un prezzo elevato, ma anche materiali di alta qualità, tecnologie utilizzate e ricerca nel continuo sviluppo e miglioramento dei caschi. Con caschi di bassa qualità, ci si può esporre a molti rischi, come la rottura della chiusura in un incidente e lesioni irreversibili alla testa. I caschi più economici sono una combinazione di termoplastica economica e fragile (rispetto ai caschi costosi) con un guscio esterno in polistirolo espanso ordinario all’interno. Non troverete questo tipo di soluzione in caschi più costosi. L’uso di materiali come aramide, fibra di vetro, kevlar o carbonio all’esterno e materiale ESP all’interno è standard.

  1. Tipi e tipi di caschi da moto

Esistono molti tipi di caschi sul mercato. Integrale, maxi, aperto… ma quale scegliere? Li spiegheremo in poche frasi.

CASCO INTEGRALE

Questo è certamente il tipo di casco più popolare. A seconda delle esigenze del motociclista e del tipo di guida che preferisce, si possono trovare modelli urbani/sportivi (che per esempio hanno una visiera parasole) come HJC RPHA 70, AGV K-5 S, SHOEI GT-AIR II, ma anche modelli sportivi, caratterizzati dalla loro leggerezza, l’assenza di comodità inutili che aumentano il peso e il tipo di attacco DD. Hanno generalmente un’ampia gamma di visibilità e una ventilazione molto efficiente, il che rende il casco più rumoroso. Alcuni esempi di caschi sportivi sono: HJC RPHA 11, SUOMY SR SPORT, SHOEI NXR o X-SPIRIT III. Non possiamo dimenticare prodotti da podio come ARAI RX-7V o CHASER-X e AGV PISTA e AGV CORSA.

CASCHI PER I DENTI

In altre parole, un casco con una mascella rialzata è un dovere per i piloti di turismo. Quando si guida con calma, si può alzare la mascella, il che migliora notevolmente la ventilazione, il contatto con un passeggero o un altro pilota, o anche rende più facile il rifornimento. Lo svantaggio di questi caschi è certamente un peso molto più elevato rispetto ai caschi integrali e il fatto che il meccanismo di sollevamento della mascella è un punto mobile del casco e in caso di incidente può non essere così durevole come un guscio solido. Inoltre, con questi caschi è difficile nella maggior parte dei casi ottenere un buon isolamento acustico. Da questo gruppo raccomandiamo SHOEI NEOTEC II, HJC RPHA 90 e AGV SPORTMODULAR.

CASCHI APERTI

Cioè una piacevole brezza sul viso. Ma non dimentichiamo che questa è certamente la scelta meno sicura. Non è certamente adatto per l’equitazione sportiva, e anche per il turismo, non è pienamente efficace, poiché il rumore causato dalla mancanza di copertura del viso sarebbe insopportabile a lungo termine. Un tale casco è un tipico “borghese”. È ottimo per le calde giornate estive o per andare in scooter. Per quanto riguarda gli aspetti visivi, si possono trovare gusci più aerodinamici come l’AGV BLADE o il classico taglio rotondo, che offre per esempio il SUOMY ROKK.

  1. certificazione dei caschi da moto

La legge è chiara, ogni motociclista deve indossare un casco omologato. Gli europei che decidono di comprare un casco devono trovarne uno con certificazione ECE. È bene ricordarlo se si vuole comprare un casco sul mercato estero. Per esempio, se si compra un casco con certificato DOT (preparato per il mercato americano, adattato alla testa americana), si possono avere problemi di perfetta vestibilità. C’è un certificato che non è richiesto dalla legge e che i produttori vogliono ottenere a tutti i costi. È il certificato SNELL. I caschi con questo certificato sono considerati sicuri. Oltre a quanto sopra, c’è anche SHARP – un certificato di sicurezza britannico rilasciato ai caschi. Si noti che una delle cinque stelle è assegnata per l’estetica e la finitura.

  1. L’installazione di un casco da moto

Cosa cercare? Ecco alcuni consigli importanti per aiutarvi a scegliere il casco giusto.

PRIMA DI TUTTO, QUANDO SI SCEGLIE UN CASCO, EVITARE :

– troppo grande! Il casco non deve muoversi liberamente sulla testa. Scegliete la taglia che vi sta meglio. Le spugne marciranno col tempo e il casco si staccherà sicuramente.

– Non indossare un casco che ti pizzica le tempie, le orecchie o in generale ti provoca dolore! Questa è una chiara indicazione che l’imbottitura non è stretta, ma che il guscio stesso è troppo piccolo.

Prova il maggior numero possibile di marche e modelli. Non accontentarti di un modello particolare di casco perché ogni forma di testa è diversa, ogni interno di un modello di casco è diverso e devi solo trovare la misura giusta per te. Rispondi a te stesso che tipo di guida preferisci e questo renderà certamente la tua ricerca più facile e ti indirizzerà verso il tipo di casco che abbiamo menzionato sopra.

Come scegliere un casco da moto? Consigli e informazioni pratiche
Come scegliere un casco da moto?

Plan du site